Home / Risorse / Buone Pratiche

Buone Pratiche

Nazionali, Internazionali

I giornalisti di strada raccontano il lockdown : il progetto Covid 19 the Other Frontline

“(…)E allora non sapevo cosa fare ”. E’ forse questa l’espressione che compare più spesso nelle storie di lockdown  ed esprime il profondo disagio di chi lo ha vissuto. Il Servizio Sovrazonale di Epidemiologia è coinvolto in un’iniziativa internazionale COVID19-Other Front-Line che vuole dare voce ai vissuti di persone, luoghi e comunità che hanno molto da dire e da far conoscere, perché questa conoscenza diventi fonte di riflessione e di azione per una politica di giustizia.

Leggi Articolo »

    CARE: una nuova risorsa per ripartire dall’equità

    CARE – Catalogo di Azioni orientate all’Equità è una banca dati in cui si possono trovare esempi di interventi realizzati in Italia, in Europa e in altri paesi con caratteristiche simili al nostro.

    Leggi Articolo »

      Un “Angelo Custode” a sostegno delle giovani famiglie in difficoltà

      Schutzengel è un intervento di  sostegno alla prima infanzia e rivolto ai nuclei familiari meno abbienti. Il progetto, realizzato dall’omonima organizzazione no-profit, ha avuto origine in Germania nel distretto  economicamente svantaggiato di  Flensburg Neustadt, attualmente è operativo in quattro sedi all’interno dello Schleswig-Holstein.

      Leggi Articolo »

        Madri peer-educator nelle scuole, in un contesto socio-economicamente deprivato del sud Italia

        In Campania l’obesità infantile è un grave problema di salute soprattutto tra le classi più povere, contribuendo così ad aumentare le disuguaglianze. Madri peer educator nelle scuole rappresenta un buon esempio di intervento e una buona risposta al problema.

        Leggi Articolo »

          Un approccio partecipativo per migliorare la mobilità urbana

          L’intervento è stato realizzato nel 2016 ed ha coinvolto tre comuni in Belgio: Melsele, Waregem e Geraardsbergen, ove sono presenti aree territoriali con problemi legati alla mobilità e alla coesione sociale.

          Leggi Articolo »

            Progetto Mihsalud – uomini, donne, bambini, insieme per promuovere la salute

            Mihsalud è un programma realizzato a partire dal 2007 dal Centro di Salute Pubblica di Valencia in collaborazione con diversi centri sanitari e altri soggetti quali il Comune di Valencia, l’associazione ACOEC e un gruppo di associazioni cittadine. Si tratta di un programma di mobilitazione sociale per promuovere la salute e l’accesso ai servizi nelle popolazioni in situazioni di vulnerabilità della città di Valencia.

            Leggi Articolo »

              Bambini e adolescenti in situazioni di fragilità: l’impegno del CRC

              Il Gruppo di Lavoro per la Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza (Gruppo CRC), network composto da 100 soggetti del Terzo Settore ha effettuato una rassegna delle iniziative messe in campo dalle varie associazioni del network.

              Leggi Articolo »

                Le sfide dei modelli territoriali per la salute e l’equità

                In questa newsletter presentiamo alcune esperienze di innovazione dei servizi di medicina territoriale attive in Italia, con cui siamo entrati in contatto nell’ultimo anno. La rassegna non è esaustiva, perché sappiamo che in Italia si stanno sviluppando molte esperienze, anche a livello di sistemi regionali.

                Leggi Articolo »

                  L’esperienza di “Una comunità che si prende cura”

                  L’Associazione “La Bottega del Possibile” sta sperimentando dal 2016 a Piossasco, insieme ai partner del territorio, nuovi percorsi e luoghi di cura, interventi e servizi di sostegno alla domiciliarità per la popolazione anziana, attraverso l’integrazione tra i Servizi Sociali e Sanitari, tra soggetti pubblici e del privato sociale e tra differenti professioni.

                  Leggi Articolo »

                    Progetto spazio alpino CoNSENSo

                    L’invecchiamento della popolazione rappresenta una sfida importante per il servizio pubblico che ha bisogno di trovare soluzioni innovative per rispondere alla crescente domanda di cure sanitarie e offrire un’adeguata accessibilità ai servizi assistenziali a questa popolazione. Il progetto CoNSENSo, finanziato dal programma europeo INTERREG, propone un modello di presa in carico e supporto alla popolazione anziana, centrato su un’unica figura professionale, l’infermiere di famiglia e comunità (IFeC).

                    Leggi Articolo »