Home / Temi / Ambiente e territorio / Un approccio partecipativo per migliorare la mobilità urbana

Un approccio partecipativo per migliorare la mobilità urbana

L’intervento è stato realizzato nel 2016 ed ha coinvolto tre comuni in Belgio: Melsele, Waregem e Geraardsbergen, ove sono presenti aree territoriali con problemi legati alla mobilità e alla coesione sociale.

A chi può essere utile

A decisori politici a livello comunale, a chi progetta e organizza la mobilità cittadina, ad associazioni di cittadini, a operatori sociali e sanitari.

La segnaliamo perché

Il coinvolgimento degli abitanti con condizioni socio-economiche difficili che vivono in zone problematiche nella progettazione di interventi può migliorare sia la coesione sociale sia la vivibilità di quelle aree.

Obiettivi e descrizione dell’intervento

Il progetto ‘LaMA’ o ‘Laboratoria for mobile alternatives’ vuole migliorare la mobilità regionale attraverso un processo partecipato di co-creazione, un processo di progettazione creativa sviluppato per trovare soluzioni innovative  e semplici con grande impatto sui temi della mobilità nelle piccole città.

Gli abitanti, gli utenti, i responsabili politici e gli esperti di mobilità si riuniscono per fornire – sulla base di un approccio dal basso verso l’alto – soluzioni creative e coraggiose per risolvere i problemi di mobilità in una specifica zona problematica del comune.

Tutte le persone interessate che vivono, lavorano o frequentano la zona problematica possono essere coinvolte nel processo di brainstorming per il suo miglioramento.

Il processo, che dura un anno, è costituito da quattro fasi:

  1. Identificare, tramite interviste, i principali punti in cui il traffico dà origine a ingorghi e valutare le opportunità di miglioramenti;
  2. Progettare e sviluppare le soluzioni creative con i responsabili politici e i principali stakeholder;
  3. Testare le nuove idee durante la Settimana della mobilità;
  4. Valutare le soluzioni implementate nella zona problematica.

Alcuni esempi delle misure adottate

Nella città di Geraardsbergen: una zona senza auto in centro, un servizio di car sharing,  una zona barbecue e di giochi per bambini, un parcheggio per biciclette, la possibilità di usare le biciclette per raggiungere il centro dai parcheggi situati in periferia.

A Waregem: percorsi pedonali piacevoli e brevi per collegare i parcheggi della   periferia con il centro città.

Valutazione

Le misure adottate sono state testate  attraverso strumenti di tipo qualitativo, essenzialmente incontri strutturati con tutti gli attori coinvolti; nelle tre cittadine gli abitanti hanno accolto positivamente i cambiamenti proposti.

Nella cittadina di Melsele, il test è durato più a lungo, all’incirca un mese. Inizialmente i negozianti hanno valutato l’iniziativa in modo negativo, ma il loro giudizio è cambiato dopo il mese di prova.

Il progetto ha avuto come esito l’introduzione di modifiche durature dell’ambiente urbano e il rafforzamento della coesione sociale.

Accedi alla scheda CARE  –  Laboratoria Mobiele Alternatievenves (LaMA)-approcci partecipativi per migliorare la mobilità regionale