Sperimentare relazioni capacitanti: percorsi per estendere spazi di comunità nella scuola e sul territorio

Tempo di lettura: < 1 minuto

Come rafforzare le capacità di controllo dei giovani sulla loro salute? Come contrastare in modo preventivo le disuguaglianze di salute in età adulta?

Dalle esperienze giovanili emerge la difficoltà a conciliare la salute con le relazioni sociali, nei diversi ambienti frequentati. Per questo, si diffondono comportamenti a rischio e tanti ragazzi e ragazze sembrano subire la pressione dei gruppi di amici e le pratiche negative dei coetanei, invece che aumentare le proprie capacità e la propria autonomia nel rapporto con le persone loro vicine. Ciò finisce per accrescere i rischi nelle famiglie più povere.

Quale funzione svolge, allora, la comunità? Le relazioni sociali di prossimità?

A partire da questi interrogativi, il volume ‘Adolescenti e alcol. Strategie di alternanza e peer education per la scuola’, propone che sia innanzitutto la scuola il luogo dove costruire, in prima persona, esperienze di relazioni capacitanti, che allarghino il loro effetto di libertà e responsabilità, fino a raggiungere la varietà di reti e ambienti frequentati dai giovani.  Dalle ricerche scaturisce la necessità di investire sulle competenze sociali dei più giovani, – le cosiddette life skills – per metterli in grado di gestire meglio il rapporto con gli altri. Dalle teorie sull’apprendimento, agli strumenti dell’alternanza scuola-lavoro e della peer education, il volume propone percorsi per rendere gli adolescenti protagonisti della loro crescita.

Il volume è scaricabile gratuitamente in versione PDFPressOnLinesul sito di Carocci Editore, agli utenti che si registrino e che effettuino il login al seguente indirizzo web

http://www.carocci.it/index.php?option=com_carocci&task=schedalibro&isbn=9788843089802&Itemid=72