Home / Eventi / X Conferenza Espanet Italia 2017: la call for paper

X Conferenza Espanet Italia 2017: la call for paper

In occasione del decimo anniversario di ESPAnet Italia, la comunità di analisti delle politiche sociali è chiamata a interrogarsi sul ruolo del welfare di fronte all’emergere di nuove sfide legate al processo di globalizzazione, al mutamento del contesto sociale, economico e politico e alla nascita di nuove forme di disuguaglianza, esclusione e disagio. Come affrontare tali sfide e come sviluppare nuove forme d’integrazione e redistribuzione a livello locale, nazionale e sovra-nazionale a fronte di una realtà economica, sociale e politica sempre più disgregata?

Si cercherà di dare risposta a questi interrogativi nel corso della X Conferenza ESPAnet Italia 2017, che si terrà presso l’Università di Bologna – Campus di Forlì, dal 21 al 23 settembre 2017 e che avrà come tema “Il Welfare e i perdenti della globalizzazione: le politiche sociali di fronte a nuove e vecchie disuguaglianze”.

Le sessioni di lavoro selezionate sono 30, con un’ampia gamma di temi ed argomenti su welfare e politiche sociali. Chi intende sottoporre un’ipotesi di paper da discutere in una delle sessioni del convegno dovrà inviare un abstract compilando il form disponibile (italiano e inglese). Sono particolarmente graditi contributi interdisciplinari per la sessione “Le disuguaglianze di genere in Italia, nella società e nelle politiche: gli effetti sulla salute” (Cavaletto, Costa, Di Monaco e Pilutti). Le proposte di abstract dovranno essere inviate entro il 31 Maggio 2017. L’esito della selezione sarà comunicato agli autori entro il 12 giugno 2017. La consegna del paper, per gli abstract selezionati, dovrà avvenire entro il 28 agosto 2017.

Per qualsiasi richiesta di informazione e/o altro, è possibile contattare direttamente la Segreteria Organizzativa – Marco Arlotti (espanetbofo2017@gmail.com).

Scarica la call for paper sul tema “Le disuguaglianze di genere in Italia, nella società e nelle politiche: gli effetti sulla salute”