Home / Pubblicazioni / Articoli scientifici / Differenze socio-economiche e declino cognitivo nell’anziano

Differenze socio-economiche e declino cognitivo nell’anziano

Il declino cognitivo rappresenta una causa molto comune di morbilità nell’anziano. In aggiunta alle condizioni cliniche ed allo stile di vita, c’è ampia discussione in letteratura sullo studio degli indicatori di stato socio-economico come determinanti del declino cognitivo.

Durante la sessione parallela dedicata alle disuguaglianze di salute, nell’ambito del XLI Congresso dell’Associazione italiana di Epidemiologia, sono stati presentati i primi risultati di uno studio di associazione di indicatori di stato socio-economico e declino cognitivo nella coorte napoletana di EPIC.

La coorte napoletana di EPIC (Progetto ATENA) è composta da 5062 donne residenti nell’area metropolitana di Napoli ed arruolate tra il 1993 ed il 1997. Le partecipanti avevano, al momento dell’arruolamento, un’età compresa tra i 30 e i 69 anni. Tra il 2008 e il 2009, alle donne con un’età uguale o superiore ai 65 anni, è stato somministrato un questionario telefonico per valutare lo stato cognitivo (TICS – Telephone Interview to evaluate Cognitive Status). L’analisi è stata effettuata su un totale di 1514 partecipanti.

Nello studio di associazione sono stati considerati tre indicatori dello stato socio-economico: 1) il livello individuale di scolarizzazione; 2) l’indice di deprivazione di Caranci (2001) come indicatore di contesto; 3) l’altezza, misurata al momento dell’arruolamento, ed utilizzata come indicatore delle condizioni di stato socio-economico dell’infanzia. Le tre variabili in studio sono state valutate ed integrate considerando i risultati di un precedente lavoro pubblicato sulla stessa coorte nel 2015 (Simeon V et al., Eur J Epidemiol 2015), in cui erano state considerate le condizioni cliniche e lo stile di vita delle partecipanti.

I risultati preliminari, presentati durante la sessione parallela, hanno messo in evidenza un’associazione tra due degli indicatori in analisi e lo score dello stato cognitivo. In particolare sembrano avere un ruolo più importante gli indicatori individuali (educazione ed altezza/sviluppo) rispetto all’indicatore di contesto (indice di deprivazione).

Sintesi a cura di Vittorio Simeon, Dipartimento di Salute Mentale e Fisica e Medicina Preventiva, Università degli Studi di Napoli “Luigi Vanvitelli”, Napoli

Stato socio-economico e declino cognitivo: dati dal progetto ATENA

Abstract 

Presentazione